S.O.S caldo estivo: come affrontarlo al meglio con i nostri bimbi!

La bella stagione è arrivata, l’aria si fa più afosa, le giornate più lunghe e il caldo… estremamente asfissiante!

 

 

 

 

Tutti ne soffriamo, chi più chi meno, e cerchiamo un posto all’ombra dove ripararci e stare il più freschi possibile. Ma come facciamo a sapere quanto soffrono il caldo i nostri bambini?

 

 

Per i bambini più grandi il problema non si pone, dal momento che sanno riconoscere e manifestare la loro insofferenza al caldo. Con i neonati invece è tutt’altra storia.

 

 

 

La primissima manifestazione di caldo i neonati la danno con il pianto (come per ogni cosa d’altronde!).

 

 

È importante per i bambini l’idratazione. Con il caldo è facile sudare e disidratarsi, ed è bene proporre più volte dell’acqua, rigorosamente a temperatura ambiente, anche ai bambini più piccoli.

 

 

Se un neonato è allattato al seno, il latte materno contribuisce alla normale idratazione, ma se il caldo è veramente torrido ed eccessivo, dell’acqua naturale proposta con un biberon o anche con un cucchiaino non guasta!

 

 

 

 

Come affrontare al meglio il caldo con i nostri bambini?

 

 

Beh, scontato da dire, evitiamo l’esposizione al sole nelle ore più calde della giornata, cioè dalle 11 alle 17 circa.

 

 

In casa, se si possiede un condizionatore, al contrario di quanto si possa pensare, lo si può utilizzare, sebbene con moderazione, tranquillamente. L’aria va mantenuta intorno ai 26 gradi, o se si usa un ventilatore è bene che l’aria che circola non colpisca direttamente il corpicino del nostro bambino.

 

 

Anche in macchina la si può accendere, considerando sempre una differenza con l’esterno non superiore ai 5 gradi.

 

 

 

 

Alcune accortezze potrebbero essere le seguenti:

 

 

  • utilizzare sempre una crema solare protettiva adatta ai bambini con protezione 50;

 

  • utilizzare un berretto per coprire la testolina dai raggi del sole;

 

  • utilizzare vestiti leggeri di cotone, meglio se non scuri per non attirare maggiormente il sole;

 

  • fare anche più volte al giorno la doccia o il bagnetto ai bambini, mantenendo la pelle idratata e asciutta;

 

  • in macchina o nel passeggino usare un lenzuolino di cotone o lino tra la schiena del bimbo e lo schienale dell’ovetto o seggiolino auto in modo che non sudi la schiena del bambino;

 

  • cambiare più volte gli indumenti se si è in giro, in modo che il sudore non si asciughi addosso e il bambino non si raffreddi.

 

È importante sapere che la temperatura corporea di un neonato e di un bambino si alza più velocemente di quella di un adulto, pertanto lasciare un bambino al sole in auto o in un passeggino anche solo per qualche minuto è davvero rischioso.

 

Colpo di calore.

 

Cos’è un colpo d calore? Detto in maniera semplice è l’innalzamento esponenziale della temperatura corporea dovuta alla temperatura elevata, a scarsa aerazione, all’alto tasso di umidità e può comportare nausea, vomito, emicrania, e nei casi più gravi perfino disturbi della coscienza.

 

 

Per questo motivo è bene prestare molta attenzione al caldo, idratarsi bene e prendere le giuste precauzioni!

 

Per il resto vi auguro di trascorrere al meglio la bella stagione con i vostri cuccioli umani 😉 

Un abbraccio, 

Mamma Racconta Storie

 

 

All Rights Reserved – © Copyright

8 commenti su “S.O.S caldo estivo: come affrontarlo al meglio con i nostri bimbi!

  1. Maya ha sempre sofferto molto il caldo e anche in inverno suda, tanto da non coprirla mai eccessivamente. Oggi ha cinque anni e una pelle delicata come la mia, protezione totale fin dai primi giorni di sole e bottiglie di acqua in borsa.

  2. Molto interessante, sai che avevo dei preconcetti sull’aria condizionata? Ultimamente se ne sentono di tutti i colori .. tra cui bimbi dimenticati in macchina con noncuranza .. Mi chiedo davvero come sia possibile una cosa del genere.

    1. Alcune cose purtroppo non ce le sappiamo spiegare, ed è meglio non entrare in merito!
      Per l’aria condizionata, con moderazione può essere utilizzata, l’abuso nuoce sia a grandi che a piccini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *